Perché è importante analizzare la domanda di un prodotto di consumo prima di sviluppare la strategia di marketing

Identificare nel modo più corretto possibile la domanda di mercato relativa al prodotto della nostra azienda non ci dà solo indicazioni per definire una corretta strategia di marketing, ma anche suggerimenti su nuove opportunità o difficoltà, che possono essere utili a tutto il team aziendale.

Indice

  • Cos’è la domanda di mercato
  • Tipologie di domande da analizzare
  • Come stimare il potenziale di un prodotto di consumo
  • Come misurare l’efficacia di una strategia di marketing

Cos’è la domanda di mercato

Prima di iniziare con l’analisi, dobbiamo sapere esattamente cosa vogliamo misurare e stimare. Ci sono diverse tipologie di domande da considerare.

La prima è la domanda di mercato, per definirla dobbiamo calcolare il volume totale delle vendite di un prodotto in un dato periodo di tempo e in un’area geografica definita. Ad influire sulla domanda di mercato possono essere gli investimenti di marketing ma anche altri fattori ambientali, come il numero di competitor o la prosperità economica dell’area di riferimento (fig.1). 

image1

Quali tipologie di domande dobbiamo analizzare per costruire una corretta strategia di Marketing

Oltre alla domanda di mercato, prima di definire la strategia di marketing, dobbiamo identificare anche altre domande, ad esempio la domanda potenziale e la domanda secondaria.

La domanda potenziale possiamo considerarla come il volume totale degli utenti interessati all’acquisto di un determinato prodotto in un’area definita. Nessun ulteriore investimento in marketing potrebbe influire sull’aumento della domanda. Un dato sicuramente utile per fare una stima di utenti interessati è il volume di ricerca medio del prodotto sui motori di ricerca. Possiamo stimarlo attraverso piattaforme come SeoZoom e Semrush.

seozoom e volume di ricerca medio

La domanda secondaria, invece, consiste nel volume totale degli acquisti di un determinato prodotto relativi ad una marca specifica. Ossia, prende in considerazione le vendite registrate dagli utenti che prima si sono rivolti verso una tipologia di prodotto ma che successivamente si sono rivolti verso una marca o un brand definito.

La differenza tra le vendite totali di un prodotto e le vendite dello stesso prodotto della nostra azienda ci aiuta a definire la quota di mercato

Una volta aver analizzato la domanda per un determinato prodotto della nostra azienda siamo in grado di valutarne il potenziale e iniziare a definire la strategia di marketing. 

Come stimare il potenziale di un prodotto di consumo

Per stimare il potenziale del nostro prodotto sul mercato possiamo misurare il gap tra la nostra quota di mercato e la domanda potenziale (massima raggiungibile). Più siamo lontani più possiamo acquisire quote. 

Naturalmente non basta solo valutare il gap tra domanda e vendite registrate ma anche altri fattori come il numero di competitor, prosperità economica dell’area di interesse, proposta di valore del nostro prodotto rispetto ai competitor, prezzo, etc.

Questi, sono tutti fattori che incidono sulle scelte strategiche della nostra attività di marketing.

Se il nostro prodotto raggiunge tutto il pubblico potenziale, possiamo considerare la domanda ormai penetrata, gli investimenti in marketing possono essere rivolti all’aumento della frequenza di utilizzo. In questo modo, raddoppiando la frequenza possiamo raddoppiare la quantità di vendita a parità di pubblico.

Proprio per questo, per stimare il potenziale totale di mercato del nostro prodotto oltre alla quota di mercato ci serve stimare anche la frequenza di utilizzo

Come misurare l’efficacia di una strategia di marketing

Possiamo misurare l’efficacia della strategia di marketing attraverso la risposta della domanda all’investimento in marketing.

La funzione di domanda (fig.2) ci mostra come all’aumentare dell’investimento in marketing diminuisce il gap tra domanda di mercato e la domanda potenziale. 

Vuoi scoprire perché un buon investimento nel Digital Marketing può considerarsi una leva per l’innovazione all’interno di un’azienda? Leggi l’articolo

image2

Fonte: Marketing Management, Kotler-Keller-Chernev-Ancarani-Costabile.

ISCRIVITI ALLA BIG DIGITAL NEWS!

Non perderti le novità!

Registrati alla nostra Newsletter mensile e riceverai puntualmente tutte le curiosità del settore e alcune sorprese dedicate ai nostri iscritti!

Se invece vuoi approfondire i nostri servizi o hai qualche domanda per noi, visita il nostro sito bigdigital.it e contattaci!

Alice Mariani

Scopri tutto sulla lead generation: definizione, tecniche innovative, come migliorare le tue strategie e creare campagne efficaci per trasformare i visitatori in clienti.

Alice Mariani

Nell'era digitale, scrivere testi con l'intelligenza artificiale sta trasformando radicalmente il modo in cui creiamo e ottimizziamo i contenuti per il web. In questo articolo, esploreremo come utilizzare l'intelligenza artificiale per i contenuti SEO, massimizzando le potenzialità degli strumenti AI per produrre contenuti non solo ricchi di informazioni e valore, ma anche ottimizzati per assicurare una visibilità online ottimale. 

Alice Mariani

Marketing digitale o marketing offline? Entrambi gli approcci, presi singolarmente, possono limitare il potenziale di crescita e di raggiungimento di un pubblico più ampio. Unendo il marketing online e offline, le aziende possono sfruttare la forza di entrambi per creare una strategia di marketing più robusta, versatile e reattiva.