Influencer marketing: come scegliere l’influencer giusto

Influencer marketing

Indice:

L’influencer marketing è una forma di marketing che negli ultimi anni si è evoluta velocemente grazie alla diffusione dei social media e alla figura degli influencer. Questi ultimi sono a si potrebbero definire “imprenditori di sé stessi”, in quanto godono di fiducia e credibilità nei confronti dei loro follower, motivo per cui possono trovare diverse opportunità di marketing per il tuo business, trasformando i follower in potenziali clienti.   

Come fare influencer marketing 

L’obiettivo di questa strategia di marketing è quello di sfruttare l’autorevolezza di queste persone per aumentare la consapevolezza, la notorietà del marchio, l’engagement dei consumatori e le vendite. Dunque, è molto importante scegliere la categoria in base a una serie di parametri che vedremo di seguito. Inoltre, è importante ricordare che quando si svolge una collaborazione c’è l’obbligo di segnalazione con gli opportuni hashtag, come #giftedby, #suppliedby, #ads, ecc, altrimenti si rischia una sanzione. 

Chi sono gli influencer

Essi creano contenuti autentici e coinvolgenti, aumentando l’efficacia delle campagne pubblicitarie rispetto agli approcci tradizionali. Questi ultimo sono divisi in diverse categorie a seconda della loro audience, del loro grado di influenza e delle interazioni che il pubblico ha con i loro contenuti.

Possiamo dividere gli influencer in 6 categorie:

  • NANO INFLUENCER: nonostante il pubblico relativamente piccolo, spesso hanno un alto livello di coinvolgimento e di affinità con il loro pubblico. Percepiti più autentici e accessibili sono l’ideale per promuovere un prodotto di nicchia e generare un engagement significativo.
  • MICRO INFLUENCER: il pubblico è più ampio rispetto ai primi e interagiscono attivamente con la loro community. Sono un’ottima soluzione per entrare in contatto con specifiche nicchie di mercato.
  • MIDDLE INFLUENCER: nella loro posizione intermedia fanno percepire la comunicazione esclusiva e riservata. Il pubblico è ben fidelizzato e omogeneo in termini di interessi. Mantiene una connessione personale, generando interazioni autentiche.
  • MACRO INFLUENCER: possiedono fino a 1 Milione di follower, sono in grado di generare notorietà in maniera superiore rispetto alle altre tipologie. Infatti, collaborano con brand che vogliono far conoscere rapidamente i propri prodotti.
  • MEGA INFLUENCER: si tratta spesso di personaggi famosi, celebrità o figure pubbliche riconosciute a livello nazionale o internazionale. Per questo potrebbero avere un rapporto meno diretto e personale con i follower. Grazie alla loro elevata visibilità ed esposizione mediatica, le collaborazioni sono per campagne di larga scala e risultano molto costose.
  • CELEBRITY: infine, ci sono le celebrity provenienti dal settore cinema, musica, sport… possono arrivare fino a decine di milioni di follower sui social media. La loro grande base di fan li rendono potenti influencer, anche se non sono noti per ricoprire questo ruolo. Le campagne di marketing, perciò, sono molto impattanti e trasmettono un alto grado di fiducia, ma non è detto che l’engagement lo sia altrettanto.
Screenshot 2024 04 29 alle 14.47.21

Come si sceglie un influencer

Limitare l’analisi al numero di follower e alla notorietà non è sufficiente, per una scelta accurata è importante considerare la qualità e la quantità dei dati.

Ecco gli elementi principali da valutare per la scelta dell’influencer giusto:

  • ENGAGEMENT RATE E LIFETIME: inizialmente, per valutare la genuinità e l’autenticità del seguito del soggetto preso in analisi, bisogna verificare che i follower non siano “gonfiati”, quindi acquistati o profili fake. Questo passaggio si può svolgere manualmente sfogliando i vari commenti e i like. Mentre l’engagement rate è il tasso di interazione del pubblico con i contenuti. Infatti, un alto tasso, espresso in percentuale, è spesso indice di un pubblico coinvolto e reattivo. Questo viene calcolato automaticamente dal sito Not Just Analytics inserendo il nome utente che la persona ha su Instagram.  
  • NAZIONALITÀ ED E DEI FOLLOWER: raggiungere gli utenti giusti è fondamentale per ottenere il risultato prefissato. Per questa ragione bisogna individuare qual è l’età e la provenienza del nostro target.  
  • AFFIDABILITÀ: è importante valutare la storia e la coerenza nel collaborare con i brand. Deve emergere una linea editoriale chiara, la persona selezionata dev’essere puntuale nelle pubblicazioni concordate e fornire report dettagliati, oltre che a rispettare i vincoli contrattuali. 

Come si trovano influencer

Abbiamo visto che scegliere la persona giusto è cruciale. In aggiunta è essenziale tenere conto di una serie di informazioni che ci possono essere forniti da tool come: Virality, SocialPubli e SocialTalk.  

Le piattaforme: Virality, SocialPubli, SocialTalk

Vediamo insieme le generalità dei tools che possono aiutare nella ricerca dell’influencer giusto:

  • Virality è uno strumento che aiuta a scoprire e analizzare le persone scelte su varie piattaforme, tiene conto dell’engagement, valuta la crescita dei follower e monitora i contenuti in termini di qualità e frequenza. Può gestire e tenere sotto controllo internamente l’intera campagna, oppure si può utilizzare solamente nella fase di analisi.
  • SocialPubli consente ai brand di connettersi, in modo semplice ed efficace, con influencer che operano in settori diversi. Infatti, l’aspetto più interessante di SocialPubbli è proprio l’accesso a una vasta rete di contatti verificati e categorizzati per nicchia, posizione geografica e range di follower.
  • SocialTalk è una piattaforma intuitiva che mette a disposizione le funzioni di ricerca, analisi e attivazione delle campagne.  Quest’ultima si può utilizzare o con il free trial, anche se per un periodo limitato, o a pagamento.

Se non si ha familiarità con questi strumenti, nonostante siano caratterizzati da interfacce relativamente intuitive, possono sembrare complicate all’inizio. Il supporto di esperti del settore può aiutarti a facilitare e velocizzare questo processo, oltre che ad abbattere un po’ i costi.

Se ritieni di aver bisogno di supporto o vuoi approfondire, non esitare a contattarci per una prima consulenza.

Monitoraggio delle performance

Questo processo implica il tracciamento di diverse metriche, qualitative e quantitative, l’analisi di feedback e le interazioni. Tra le metriche quantitative troviamo l’engagement rate, il reach che misura quanto il messaggio si sta diffondendo, il CTR (Click-Through Rate) che valuta l’efficacia dei contenuti nel generare interesse e le azioni specifiche, le impressioni ovvero il numero di volte che il contenuto è stato visualizzato (anche più volte dallo stesso utente), infine, le conversioni sono essenziali per capire se la campagna sta generando un ritorno sull’investimento.

Per l’analisi delle metriche qualitative è importante leggere e valutare i commenti e le interazioni, così da poter capire come viene percepito il brand e la qualità del coinvolgimento.

Per questo passaggio delicato vi sono alcuni strumenti che possono aiutare nel monitoraggio delle campagne di influencer marketing:

  • Strumenti di tracciamento: piattaforme come Google Analytics, Facebook Insight o strumenti specifici per influencer marketing come Upfluence o BuzzSumo offrono una varietà di dati sulle prestazioni dei contenuti.
  • Real-time analytics: l’analisi in tempo reale permette di reagire prontamente. Ad esempio, se una tipologia di contenuto performa molto bene, si potrebbe voler ricalibrare la strategia per sfruttare questa tendenza.

Conclusioni

In conclusione, nella fase iniziale è necessario definire la strategia giusta per emergere: bisogna definire gli obiettivi, il PED e molto altro che puoi leggere nel nostro articolo Strategia sui Social Media: dall’obiettivo all’azione.

Anche la documentazione e la reportistica sono essenziali per una buona campagna! 

Ciò è importante per valutare le performance, per dimostrare ai potenziali clienti l’efficacia delle strategie adottate e per ottimizzare a strategia. La valutazione dei risultati e l’analisi dei dati sono processi che formano i feedback necessari per migliorare nel tempo.  

ISCRIVITI ALLA BIG DIGITAL NEWS!

Non perderti le novità!

Registrati alla nostra Newsletter mensile e riceverai puntualmente tutte le curiosità del settore e alcune sorprese dedicate ai nostri iscritti!

Se invece vuoi approfondire i nostri servizi o hai qualche domanda per noi, visita il nostro sito bigdigital.it e contattaci!

Alice Mariani

Scopri come l'intelligenza artificiale stia rivoluzionando la SEO. Ottimizza il tuo sito, migliora il posizionamento in SERP e resta competitivo nel mondo digitale grazie alla SEO AI.

Martina Rizzo

Indice: Nel mondo del Content Marketing, trovare metodi innovativi e coinvolgenti per catturare l’attenzione del pubblico è più cruciale che mai. I …

Paolo Lambertini

Trasformare l’interesse in relazioni durature: è questa la missione della lead generation. E se ti dicessi che questo è possibile anche in ambito B2B?