Report Digital 2022 Edizione Luglio: le ultime novità sul mondo del Digital Marketing

Indice

A fine luglio, poco prima che iniziasse, per la maggioranza di noi, la tanto attesa pausa estiva è uscita l’ultima edizione del celebre Digital 2022 July Global Statshot Report pubblicato da We Are Social in collaborazione con Hootsuite.  

Il report in questione è da sempre fonte di informazioni preziose sul mondo del Digital Marketing e spunto di riflessioni sui trend futuri. Per questo ritengo sia utile fare un breve resoconto dei dati che mi hanno particolarmente colpito e che penso possano influenzare il settore di riferimento e le nostre strategie. 

Scopri i case studies e le strategie vincenti di BIG

Gli utenti online continuano a crescere 

Il primo dato che mi salta subito all’occhio è una percentuale che risulta essere pari a 3,7%. Si tratta dell’aumento, registrato a livello mondiale nell’ultimo anno, del numero di persone che utilizzano Internet. Questo incremento ha portato gli utenti di Internet a essere pari al 63,1% della popolazione mondiale.  

Si tratta di un dato che acquisisce ancora più interesse se lo si relaziona alla percentuale di persone attive sui social media, che al momento risulta essere pari al 59%. Questo significa che più del 90% delle persone collegate a una rete utilizzano quel collegamento per essere attive su un social media. Possiamo avere, quindi, un’ulteriore conferma di quanto il tempo trascorso scrollando il feed di un qualsiasi social media rappresenti una buona fetta del tempo passato online.

Quanto tempo trascorriamo sui social media – Tik Tok vs Facebook

Parlando, per l’appunto, di tempo trascorso sui social, secondo il Digital Report 2022, il tempo speso giornalmente in media sui social network, a livello mondiale, è pari a 2 ore e 29 minuti. Questo arco temporale aumenta in maniera significativa per la fascia di età 19-24 anni arrivando a superare le 3 ore. Subito dopo troviamo la fascia 25-34 anni che passa sui social media tra le 2 ore e 34 minuti e le 2 ore e 53 minuti.  Tali dati ribadiscono quanto queste due fasce di età rappresentano i principali target di riferimento quando si creano contenuti sui social media.  

Questo non significa che le fasce di età superiore non siano presenti sui social, ma come si è solito affermare, ogni dato va messo in relazione ad un altro per poter acquisire il giusto valore. Cosa intendo?  

Se si guarda all’utilizzo di un social media come Facebook, la fascia di età 25-34 anni, in particolare di genere maschile, risulta essere quella più presente. Tra gli utenti di Facebook però troviamo anche la fascia 65+ che non compare proprio se si guarda al pubblico di un social media come Tik Tok. Si intende questo quando si ribadisce che ogni dato non va preso singolarmente ma valutato in relazione ad altre informazioni per poter acquisire un significato reale.  

A proposito di Tik Tok, è questo il social media su cui gli utenti trascorrono più tempo mensilmente. Secondo i dati del report, una persona in media, a livello mondiale, passa più di 23 ore al mese guardando video su Tik Tok, pari al 5% delle sue ore da sveglio. Se si guardano ai dati su base giornaliera, un utente di Tik Tok passa in media 95 minuti al giorno contro i 49 minuti passati su Facebook. Nonostante questo Facebook continua ad essere il social media più utilizzato a livello mondiale.  

La crescita degli utenti di Tik Tok registrata nell’ultimo semestre risulta essere pari a + 5,4% (che corrisponde a 52 milioni di nuovi utenti) mentre quella di Facebook è pari a + 0,8%. Ci troviamo, quindi, di fronte a due social media molto diversi tra loro. Tik Tok ha meno utenti ma ha un target più omogeneo che passa molto tempo online, mentre Facebook gode di un pubblico distribuito su più fasce di età con tempi minori di navigazione sui social.  

Dai dati analizzati appare in maniera evidente una crescita continua dell’utilizzo dei social media. Risulta, quindi, naturale andare a indagare su come questi social media vengono utilizzati e se sono in atto dei cambiamenti di comportamento. 

Le principali ragioni per cui utilizziamo i social media

Tra le ragioni per cui gli utenti trascorrono tempo sui social media compare il loro utilizzo come fonte di informazione. Secondo il report, infatti, il 57% della popolazione mondiale oggi utilizza i social media come canale informativo. In particolare, più del 60% della popolazione di età compresa tra i 18 e i 44 anni fa riferimento a un social media per mantenersi informato. Questa tendenza non riguarda solo le fasce di età più giovani ma sta diventando un’abitudine comune anche per la popolazione più adulta, infatti, poco meno del 50% della fascia 55+ si informa attraverso i social.  

Screenshot 2022 08 31 at 16.38.52
Fonte: DIGITAL 2022: JULY GLOBAL STATSHOT REPORT, We are social, Hootsuite, Luglio 2022.

 

Bisogna fare però alcune considerazioni al riguardo in quanto l’utilizzo dei social media come fonte di informazioni non compare sempre come prima ragione di utilizzo.  

Tra le principali ragioni di utilizzo dei social media da parte dei più giovani troviamo le ricerche di brand e l’interesse nel seguire influencer e personaggi famosi. Si potrebbe dire quindi che l’utilizzo dei social come fonte di informazioni avviene in maniera indiretta. Un giovane non va sui social per cercare informazioni di interesse generale ma tra i post che vede scorrere sullo schermo incontra anche contenuti di carattere informativo.  

Le persone che hanno dichiarato di utilizzare i social media per motivi lavorativi o per informarsi come prima ragione di utilizzo appartengono generalmente a fasce di età superiori ai 25 anni.  

Come detto inizialmente, i numeri relativi agli utenti del web e dei social media continuano ad essere sempre positivi e in crescita costante oramai da diversi anni. Ma come capita con qualsiasi trend a una fase di crescita continua segue sempre una fase di decrescita.  

Come suggeriscono coloro che hanno pubblicato lo stesso Report, se si prospetta che nel giro di un anno due terzi della popolazione mondiale sarà online e più del 60% sarà presente su un social media, allora saremo anche molto vicini a un cambiamento di direzione della curva verso il basso. Loro stessi sostengono che sarebbe statisticamente impossibile credere che i numeri relativi alla crescita digitale continuino a crescere allo stesso ritmo di questi ultimi anni.  

Di fatto si può dire che arriveremo a un punto in cui le tecnologie digitale saranno parte integrante della vita della maggioranza della popolazione mondiale. L’obiettivo futuro non sarà più focalizzarsi su quante persone si riescono a raggiungere online ma su cosa fanno le persone quando sono online.  

Fonte: DIGITAL 2022: JULY GLOBAL STATSHOT REPORT, We are social, Hootsuite, Luglio 2022.

Scopri i servizi che offriamo come agenzia sul nostro sito

Hai un'attività e vuoi sapere qual è la tua maturità digitale?

Il nostro nome è Big Digital e siamo un’agenzia di Digital Marketing a Bologna. Per valutare la maturità digitale di un’azienda abbiamo ideato il digital checkup, un’analisi tecnica che svolgiamo sul tuo sito ed i tuoi canali social per evidenziare lacune e opportunità.

Il nostro checkup è gratuito poiché non ha senso parlare di preventivi, contratti e altre cose impegnative senza conoscersi prima e valutare non solo il punto di partenza ma anche gli obiettivi che sogni di raggiungere. Siamo contro la vendita aggressiva a tutti i costi.

Conosciamoci prima, compila il form qui di seguito così da prenderci un caffè virtuale!

Per scoprire di più puoi visitare il nostro sito bigdigital.it

Andrea

Indice: Quando e perché un sito finisce nella seconda pagina di Google Come uscire dalla seconda pagina di Google Quando dobbiamo preoccuparci …

Domenico Mucci

Indice: L’importanza del digital marketing per un’azienda I nuovi canali di marketing per le aziende Marketing e innovazione per le aziende italiane …

Serena Bartolini

La presentazione Power Point serve sia a chi parla, per integrare il discorso con alcune immagini, sia a chi ascolta per rimanere sveglio e fissare i concetti.