Strategia sui Social Media: dall’obiettivo all’azione

Definire la strategia giusta per emergere sui social media è essenziale grazie alla definizione degli obiettivi, alla scelta del social adeguato e ai macro-topic, programmando il calendario e il piano editoriale per creare un legame autentico con il pubblico.

Indice:

    Definizione degli obiettivi

    Nel contesto delle strategie social media marketing, stabilire obiettivi SMART è il primo passo per garantire che ogni azione intrapresa sia allineata con la visione complessiva del brand. L’acronimo SMART rappresenta un framework essenziale per la definizione di obiettivi che siano Specifici, Misurabili, Raggiungibili (Achievable), Rilevanti e Temporalmente definiti, elementi chiave per una gestione efficace dei social media. 

    Specifici

    Per essere efficaci, gli obiettivi social media devono essere definiti con precisione. Un obiettivo ben delineato guida le azioni e le decisioni, evitando dispersioni di energia. Ad esempio, anziché puntare genericamente a “incrementare l’engagement su Facebook”, un obiettivo specifico potrebbe essere “aumentare del 20% il tasso di interazione sui post di Facebook entro il prossimo trimestre”.  

    Misurabili

    La misurabilità consente di tracciare i progressi e di valutare l’efficacia delle strategie. Un obiettivo come “incrementare la portata dei post su LinkedIn di 15.000 visualizzazioni entro sei mesi” permette di monitorare periodicamente i risultati e di apportare eventuali aggiustamenti strategici in corso d’opera. 

    Raggiungibili

    Gli obiettivi devono essere realistici, tenendo conto delle risorse a disposizione. Per esempio, “duplicare il numero di iscritti al canale YouTube in un anno” può essere un obiettivo raggiungibile se supportato da un piano editoriale solido e da risorse dedicate al social media management. 

    Rilevanti

    Ogni obiettivo dovrebbe allinearsi con gli obiettivi più ampi del business e della strategia di marketing. Se il focus è sull’aumento della consapevolezza del brand, un obiettivo rilevante potrebbe essere “creare e promuovere una campagna su Instagram”.  

    Temporalmente definiti

    Stabilire una scadenza precisa per ogni obiettivo facilita la pianificazione. Ad esempio, “lanciare una nuova serie di webinar su Facebook Live entro il prossimo trimestre” stabilisce un timeframe chiaro che aiuta a organizzare le risorse e a pianificare il calendario editoriale. 

    Scelta del social adeguato

    La selezione della piattaforma social più adatta è un tassello cruciale nelle strategie social media marketing. La decisione deve essere guidata da una serie di fattori chiave, tra cui il posizionamento del brand, il tono di voce, il target di riferimento, i valori aziendali, il tipo di messaggio che si intende comunicare e, naturalmente, gli obiettivi SMART predefiniti. 

    Per esempio, se il brand si rivolge a un pubblico giovane e dinamico, con un forte focus visuale e creativo, Instagram potrebbe essere la scelta ideale. Al contrario, se l’obiettivo è quello di posizionarti come leader in un settore B2B, LinkedIn potrebbe offrire il contesto più appropriato, anche se una risposta concreta la si può avere solo dopo aver effettuato un’analisi adeguata che, grazie ai dati, conferma o smentisce l’ipotesi iniziale. 

    Scelta macro-topic

    I macro-topic rappresentano le colonne portanti della strategia di contenuto sui social media, fungendo da guide tematiche. La definizione accurata dei macro-topic è essenziale per creare contenuti coerenti, interessanti e, soprattutto, efficaci nel coinvolgere il tuo target di riferimento.

    Se vuoi comprendere meglio l’importanza dell’analisi dei dati, ti consigliamo il nostro articolo sul Marketing Data-Driven.

    Conoscenza del pubblico

    La base di partenza per l’identificazione dei macro-topic è una profonda comprensione del pubblico. È fondamentale conoscere non solo i dati demografici, ma anche gli interessi, le esigenze, le abitudini e le preferenze del target. Per fare questo è possibile utilizzare diverse piattaforme, anche gratuitamente, che permettono di fare ricerche approfondite sugli interessi degli utenti, come Answer The Public

    2aefa8b1 a5d0 484b 9266 d9aeb8f2734c

    Allineamento con gli obiettivi

    Ogni macrotopic scelto deve essere direttamente collegato agli obiettivi SMART che sono stati definiti. Se l’obiettivo è aumentare la consapevolezza del brand, i macro-topic potrebbero includere storie di successo dei clienti o innovazioni di prodotto, mantenendo sempre un equilibrio tra contenuti autoreferenziali e non, così da non risultare eccessivamente concentrati sul proprio brand. 

    Analisi dei competitor

    Osservare e analizzare i contenuti pubblicati dai competitor può offrire spunti preziosi per la definizione dei macro-topic. Questo significa comprendere quali argomenti risuonano con il pubblico nel settore e come differenziarsi offrendo prospettive uniche. Ad esempio, per una buona analisi dei competitor si potrebbero andare ad analizzare le recensioni, così da capire quali sono gli aspetti a favore e i punti deboli della concorrenza e usarli a nostro favore. 

    Uso di parole chiave e hashtag

    Le parole chiave e gli hashtag giocano un ruolo cruciale nella visibilità dei contenuti. Identificare quelle più rilevanti e ricercate dal tuo pubblico target permette di costruire i contenuti attorno a temi che non solo interessano gli utenti, ma sono anche ottimizzati per la scoperta attraverso i motori di ricerca dei social media. 

    Piano editoriale (PED) e calendario editoriale (CED)

    La pianificazione del contenuto è un aspetto fondamentale delle strategie social media, che si concretizza attraverso lo sviluppo di un piano editoriale e la gestione di un calendario editoriale. Sebbene questi due strumenti siano strettamente correlati, servono a scopi differenti e complementari. 

    Piano editoriale (PED)

    Il piano editoriale è il documento strategico che definisce cosa verrà comunicato. Serve a stabilire le linee guida generali dei contenuti, i macro-topic da trattare, il tono di voce del brand e come questi elementi si allineano agli obiettivi di business. La creazione di un piano editoriale inizia con la definizione chiara degli obiettivi e la comprensione del pubblico di riferimento. Successivamente, si identificano i macro-topic che risuonano con questo pubblico e si delineano i tipi di contenuto (blog, video, infografiche, post sui social media, ecc.) che meglio veicolano il messaggio del brand. Il piano editoriale funge da bussola, assicurando coerenza e rilevanza nei messaggi. 

    Calendario editoriale (CED)

    Il calendario editoriale, d’altra parte, dettaglia quando e come i contenuti verranno pubblicati. È uno strumento operativo che organizza la programmazione dei contenuti nel tempo, specificando giorno e data di pubblicazione, il tipo di contenuto, gli hashtag da utilizzare, le creatività associate (immagini, video, grafiche), il copy, eventuali link di approfondimento e note aggiuntive. Il calendario editoriale è essenziale per mantenere una presenza costante e organizzata sui social media, permettendo di pianificare in anticipo le pubblicazioni. 

    Conclusione

    La chiave del successo risiede nella capacità di adattarsi e reagire dinamicamente all’evoluzione del panorama digitale, mantenendo sempre al centro la propria identità di brand e le esigenze del proprio pubblico. In questo contesto, la misurazione e l’analisi delle performance diventano fondamentali per affinare la strategia e garantire che ogni azione compiuta contribuisca al raggiungimento degli obiettivi. 

    In conclusione, una strategia social media ben congegnata non solo migliora la visibilità e il posizionamento di un brand, ma crea un legame autentico e duraturo con il pubblico. 

    ISCRIVITI ALLA BIG DIGITAL NEWS!

    Non perderti le novità!

    Registrati alla nostra Newsletter mensile e riceverai puntualmente tutte le curiosità del settore e alcune sorprese dedicate ai nostri iscritti!

    Se invece vuoi approfondire i nostri servizi o hai qualche domanda per noi, visita il nostro sito bigdigital.it e contattaci!

    Paolo Lambertini

    Trasformare l’interesse in relazioni durature: è questa la missione della lead generation. E se ti dicessi che questo è possibile anche in ambito B2B?

    Andrea Di Marco

    Ogni giorno innumerevoli persone utilizzano i motori di ricerca come Google per cercare informazioni, prodotti, servizi e molto altro. Per offrire risultati pertinenti e di qualità quindi è necessario che gli algoritmi dei motori di ricerca ricevano delle ottimizzazioni continue.

    Alice Mariani

    Scopri tutto sulla lead generation: definizione, tecniche innovative, come migliorare le tue strategie e creare campagne efficaci per trasformare i visitatori in clienti.